Academia de Italiano en Madrid

L’italia in una stanza. La Galleria delle Carte geografiche dei Musei Vaticani.

Se vi piace la storia politica di un paese o se semplicemente avete anche solo un debole per le mappe geografiche, e se in un futuro prossimo avete intenzione di visitare Roma e il Vaticano, non dimenticate di fare una visita alla Galleria delle Carte geografiche dei Musei Vaticani.

mappe tetto

Si tratta di una sala di 120 metri che ricorda molto da vicino la Sala de las Batallas dell’Escorial, e che si trova al terzo piano dell’Ala Belvedere dei Musei Vaticani. Situata lungo l’itineraio della Cappella Sistina, la Galleria fu fatta costruire e arredare intorno al 1581 da Papa Gregorio XIII e oltre ad essere molto bella è anche storicamente molto interessante. Le pareti, infatti, sono ricoperte di mappe delle regioni italiane come venivano rappresentate dalla cartografia rinascimentale.

Vi sono rappresentare anche regioni che attualmente non sono parte del territorio dello Stato italiano, come Malta, che ai tempi era un possedimento del Regno delle Due Sicilie.

malta

 

L’interesse di questa Galleria non è solo di ordine artistico. Il suo significato non è semplicemente sentimentale, ma evidentemente anche politico, perché le mappe geografiche in quell’epoca erano uno strumento di governo e di pianificazione politica e militare, paragonabile a ciò che fanno oggi i satelliti e altre tecnologie di quel tipo. Oltre alle varie regioni italiane sono rappresentati, infatti, anche quattro tra i principali porti italiani dell’epoca: Venezia, Genova, ma anche Civitavecchia e Ancona, che costituivano i porti sotto il controllo papale, sulla costa rispettivamente del Mar Tirreno e del Mar Adriatico.

Meritano una bella visita, no?