Academia de Italiano en Madrid

“Nei tempi antichi i maschi erano più importanti….”

pupi catania

Non so se avete seguito le polemiche che, da qualche tempo, si sono riaccese in Italia (non troppo per la verità) a proposito della condizione femminile. Il tema della condizione delle donne in Italia -di quella che negli anni Settanta veniva definita ‘emancipazione femminile’- in questo momento storico credo che sia un aspetto molto importante della necessaria esplorazione culturale di chi ne impara la lingua.
A questo proposito vi segnalo un articolo interessante che riflette su alcune ricerche -in Italia e negli Stati Uniti- sugli stereotipi di genere. La ricerca italiana è stata fatta in alcune scuole elementari e, oltre ad essere molto istruttiva riguardo a quello che i bambini pensano di se stessi -e degli altri- in quanto appartenenti ad un genere, è anche molto divertente (e facilemente comprensibile):

Le risposte dei bambini riflettono la coscienza che un cambiamento c’è stato, ma anche che alcuni atteggiamenti mentali di fondo, legati ai ruoli sociali, persistono. Le interviste sono parte di un progetto di inchiesta che l’autrice dice di aver maturato in seguito alla lettura del libro di Loredana Lipperini Ancora dalla parte delle bambine. In base alle recensioni che ho letto, il libro fa riflettere in maniera abbastanza forte sulla persistenza -o il ritorno- di mentalità, atteggiamenti, ruoli che si pensavano oramai seppelliti e che invece risultano vitalissimi. Il problema risulta ancora più urgente in quanto un altro libro -una trentina di anni fa- affrontava lo stesso problema giungendo a conclusioni simili. Insomma, a quanto pare, in quasi quarant’anni nulla o quasi nulla è cambiato negli stereotipi di genere e la condizione generale delle donne in Italia sembra in piena regressione.

Se il tema vi interessa vi consiglio una serie di letture: alcune sono serie, altre sono ironiche ma tutte sono assolutamente interessanti, oltre che -visti i tempi che corrono- decisamente economiche.

Marina Terragni. Un gioco da ragazze.
Vittoria Franco. Care ragazze. Un promemoria.
Caterina Soffici. Ma le donne no. Come si vive nel Paese più maschilista d'Europa.
Anaïs Ginori. Pensare l'impossibile.
Rosalind Miles. Chi ha cucinato l'ultima cena? Storia femminile del mondo.
Iaia Caputo. Le donne non invecchiano.
Lorella Zanardo. Il corpo delle donne.
Monica Ascenso. Fatti più in là.